/
/

Sistema di certificazione Parità di genere

– Sistema di certificazione Parità di genere – 

Metasicurezza

Sistema di certificazione Parità di genere

L’obiettivo 5 dell’Agenda 2030 si propone di promuovere diritti e libertà fondamentali di donne e ragazze, di sradicare ogni forma di discriminazione e violenza, e di raggiungere la parità tra tutte le donne e ragazze nei diritti di accesso alle risorse (economiche, naturali e tecnologiche) e alle pari opportunità di leadership nel panorama politico ed economico.

La finalità del Sistema di certificazione della parità di genere alle imprese è quella di favorire l’adozione di politiche per la parità di genere e per l’empowerment femminile a livello aziendale e quindi di migliorare la possibilità per le donne di accedere al mercato del lavoro, di leadership e di armonizzazione dei tempi vita.

In base all’art. 5, comma 2, della legge 5 novembre 2021 n. 162 (Legge Gribaudo), alle aziende private che siano in possesso della certificazione della parità di genere in applicazione della prassi UNI/PdR 125:2022 rilasciata da un organismo di certificazione accreditato è concesso un esonero dal versamento di una percentuale dei complessivi contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per l’anno 2022.

Inoltre, sempre ai sensi della Legge Gribaudo (art. 5, comma 3) alle aziende che, alla data del 31 dicembre dell’anno precedente a quello di riferimento, siano in possesso della certificazione della parità di genere in applicazione alla prassi UNI/PdR 125:2022, rilasciata da un organismo di certificazione accreditato, è riconosciuto un punteggio premiale per la valutazione di proposte progettuali, da parte di autorità titolari di fondi europei nazionali e regionali, ai fini della concessione di aiuti di Stato a cofinanziamento degli investimenti sostenuti.

Infine, il decreto legge 30 aprile 2022, n. 36 : apre una nuova finestra, recante “Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza”, art. 34, ha introdotto nel “Codice dei contratti pubblici”, rispettivamente agli articoli n. 93 e n. 95 del decreto legislativo n. 50 del 2016, una diminuzione della garanzia prevista per la partecipazione alle procedure di gara da parte di aziende certificate, oltre alla possibilità per le amministrazioni aggiudicatrici di istituire sistemi premiali legati al possesso della certificazione di genere.

Desideri essere ricontattato?

Inviaci un messaggio

Risponderemo in 24 ore

Qual è la tua esigenza?

Contattaci e ti metteremo in contatto con la nostra rete di esperti per realizzare il corso su misura per te.